Rispetto a rivetti e saldature, gli adesivi e i nastri offrono benefici unici, senza scendere a compromesi in termini di resistanza.

Scopri come si testa e misura la forza di un adesivo e quali sono i molti fattori da prendere in considerazione quando si sceglie un adesivo per un’applicazione specifica.


Misurazione della tenuta di un adesivo

Ciascun meccanismo di adesione gioca un ruolo fondamentale nella prestazione di tenuta, perciò gli esperti studiano la resistenza di un fissaggio adesivo per determinarne la bontà e le perfermonce in una determinata applicazione.

Il modo più comune di misurare la tenuta dell'adesivo è quello di separare il legame. Immagine di un incollaggio con adesivo che viene separato.


Misurare il “lavoro di adesione” per un determinato fissaggio contribuisce a determinare la resistenza di un assemblaggio adesivo.
Il metodo più comune di misurazione è quello di staccare un fissaggio adesivo. La forza necessaria per separare le due parti consente ai tecnici di comprendere come l’adesivo si comporterà in un’applicazione e le prestazioni che esso offrirà.


Adesione e coesione lavorano insieme

Forza di adesione

La forza di adesione è la forza TRA l’adesivo e il substrato ed è solitamente il fattore più importante da prendere in considerazione quando si progetta un assembaggio adesivo. Tuttavia, la forza adesiva non è l’unico fattore critico: anche quando si usa l’adesivo più potente al mondo, il legame non sarà efficace se l’adesivo non si incolla alla superficie del substato.

Forza di coesione

La coesione è la forza INTERNA di un adesivo, ovvero la capacità che esso ha nel rimanere assieme, coeso con se stesso sotto sforzo. The higher the cohesive strength, the stronger the adhesive. La forza di coesione è determinata dalla compizione chimica dell’adesivo.
La resistenza degli adesivi copre un ampio spettro: dagli adesivi sensibili alla pressione agli adesivi strutturali.

E’ molto importante tenere in considerazione quali specifici tipi di stress agiranno sul giunto adesivo. Sollecitazioni comuni includo il taglio, la spaccatura, la trazione e lo scollamento.
La conoscenza e comprensione di questi fenomeni e la frequenza degli stessi saranno utili per scegliere qual è l’adesivo con la forza di coesione migliore per il fissaggio da realizzare.


Un esempio per comprendere meglio adesione e coesione?

Pensate ad una scarpa che schiaccia una gomma da masticare: alzando il piede, la scarpa si stacca abbastanza facilmente dall’asfalto perchè, nonostante la gomma sia molto adesiva alle superfici (quanto tempo avete perso provando a toglierla dalla suola o dai vestiti???), ha una forza di coesione bassa che fa sì che si sfilacci.


L’energia superficiale del substrato è importante per la selezione degli adesivi

L’energia superficiale è una proprietà fisica della superficie di un materiale che determina quanto strettamente l’adesivo entrerà in contatto con esso.
In gergo viene anche definita “bagnabilità” di una superficie perchè su un materiale con alta energia superficiale, un liquido bagnerà o si distribuirà bene sulla superficie; su un materiale con bassa energia superficiale, il liquido tenderà a non defluire e a formare delle goccioline, non bagnano il substrato.

Per garantire un legame, un adesivo deve spargersi sul substrato. Per scegliere l’adesivo giusto, è importante comprendere quali sono le energie superficiali di tutti i substrati e il modo in cui l’adesivo si spargerà su ciascuno. Inoltre, è necessario considerare la pulizia della superficie, poiché alcuni adesivi richiedono un elevato grado di pulizia del substrato.

Vuoi saperne di più sull’adesione?
Leggi gli articoli precedenti o seguici su LinkedIn e Facebook per le prossime “puntate” della Scienza dell’Adesione o per rimanere aggiornato sulle ultime novità in fatto di Adesivi.

Assicurati il tuo prodotto Lascia la tua mail qui sotto se vuoi che ti avvisiamo quando il prodotto che stai cercando ritorna disponibile.